Primo Comunicato Stampa

Al via il progetto Giovani, uno sguardo al futuro ed uno al passato

progetto giovani catanzaro

Giovani, uno sguardo al passato ed uno al futuro”, è il titolo del progetto che la Provincia di Catanzaro guidata dal presidente Sergio Abramo, su input del vicepresidente Antonio Montuoro, ha presentato all’Upi (Unione Province d’Italia) ricevendo l’ok per l’ammissione al finanziamento.

Il progetto, redatto dal dirigente Antonio De Marco, si colloca nel contesto della provincia di Catanzaro (nei territori di Catanzaro, Vallefiorita, Amaroni, Squillace, Girifalco e Stalettì) ricca di risorse ma, spesso, povera di opportunità per i giovani costretti ad emigrare per trovare la loro strada. Realtà particolarmente sentita nei piccoli Comuni che il progetto intende coinvolgere.

«Il progetto – spiega il vicepresidente Montuoro – mira in generale a favorire l’inclusione e il benessere degli adolescenti che vivono in contesti a rischio, caratterizzati da scarse opportunità formative e socializzanti e assenza di modelli positivi di riferimento, con attenzione aggiuntiva per i soggetti già a maggior rischio di dispersione scolastica. Mira inoltre a rinsaldare la consapevolezza dei giovani tra i 13 e i 21 anni che, spesso, si accingono a compiere la scelta sul percorso di studi futuro o su quello lavorativo, senza avere gli strumenti idonei ed adeguati. Si intende stimolare nei giovani coinvolti la consapevolezza su punti di forza e debolezza, orientare verso scelte sostenibili e garantire un supporto all’accesso di strumenti e conoscenze utili per il loro futuro, partendo però dal passato, dalla conoscenza di tradizioni e storie positive che nascono nel territorio d’appartenenza. Valorizzare “case history” che invogliano all’autoimprenditorialità: una strada percorribile per far ripartire l’occupazione al Sud Italia».

I beneficiari sono i giovani tra i 13 ed i 21 anni. Circa 600 studenti dell’ultimo anno delle scuole superiori/medie, in particolare quelle con il più alto tasso di dispersione ed abbandono scolastico; circa 100 giovani lavoratori precari; circa 20 “giovani a rischio” dell’area penale (Carcere/comunità per minori).

Attività previste:

  • Sportelli d’ascolto e orientamento” itineranti da sviluppare con giornate di sensibilizzazione/formazione specifiche all’interno delle scuole (medie e superiori) dei territori coinvolti, in centri di aggregazione giovanile o in location della Provincia che sono facilitate a raggruppare giovani e in occasione di eventi della Provincia che intercettano il target di progetto. Gli argomenit oggetto di orientamento saranno declinati, a seconda dell’età di riferimento dei beneficiari, sulle tematiche “scuola” “lavoro” e “università”;
  • Attività di sostegno e orientamento per giovani a rischio da sviluppare nel carcere minorile di Catanzaro e nella Comunità per minori grazie al lavoro del partner associazione CAM che da anni lavora al loro interno tesa a contrastare l’abbandono scolastico e a favorire una maggiore occupabilità dei detenuti. Laboratorio sulle TIC (Tecnologie di informazione e comunicazione);
  • Infoday, giornate formative e di approfondimento con esperti delle politiche giovanili e del lavoro per far conoscere e approfondire ai giovani le direttive europee in materia di gioventù e partecipazione, normative nazionali in tema di lavoro e diritti, strumenti di sostegno all’autoimprenditorialità, accesso al microcredito;
  • Facilitazione della nascita di un comitato di giovani, attraverso l’ausilio di animatori territoriali e volontari di associazioni di volontariato, che si interfacci con gli amministratori locali per un confronto arricchente sulle politiche giovanili che abbia, anche a fine progetto, la possibilità di essere istituzionalizzato;
  • Apertura di canali di comunicazione sui nuovi media, più vicini ai giovani, che possano veicolare all’esterno le esperienze di progetto e creare una rete allargata di soggetti del mondo produttivo e non solo che abbiano la possibilità di interagire con i beneficiari del percorso per fornire loro conoscenze e contatti utili oltre che una rete di sostegno;
  • Incontri con aziende/realtà del territorio/ esperienze imprenditoriali di giovani che con successo hanno investito nella loro terra come la Cooperativa “Nido di Seta” creata da giovanissimi nel territorio di San Floro e che ha investito nella tradizione artigianale della Provincia con “uno sguardo al passato ed uno al futuro”;
  • Evento di chiusura “Siamo tutti Giovani”che coinvolgerà i beneficiari del percorso, le scuole, le associazioni giovanili, i rappresentanti istituzionali, la camera di commercio, il centro per l’impiego, aziende del territorio e che servirà a stimolare lo scambio di esperienze tra giovani e ad istituzionalizzare un dialogo costante tra loro e le istituzioni

Risultati attesi:

  • Riduzione del tasso di abbandono scolastico dopo le scuole dell’obbligo grazie ad un’attenta opera di sensibilizzazione/orientamento;
  • Aumento della consapevolezza dei giovani sull’importanza dell’istruzione, sulle loro capacità, sui diritti, legislazione del lavoro, politiche giovanili e opportunità da sfruttare per lavorare nella propria terra;
  • Aumento del numero di giovani che vogliono sperimentare la via dell’autoimprenditorialità; Recupero di giovani a rischio ed incremento di opportunità per il loro futuro.

Next Post